Come essere pragmatici negli investimenti con le azioni

L’investimento nel mondo delle azioni, deve essere prima di tutto semplice. Se non si capisce ciò che si sta facendo, è bene lasciar perdere tutto e ricominciare da capo. Scoprite con noi i più grandi trucchi per trovare il bandolo della matassa ed iniziare alla grande nel mondo degli investimenti.

Investire nel mondo delle azioni, non è un’operazione da prendere sottogamba. Diciamo questo perché gran parte degli investitori hanno assimilato il mondo degli investimenti online con i CFD nell’azionario, come se fosse un qualcosa con cui fare soldi molto velocemente. Questo è vero in parte, in quanto soprattutto con le opzioni binarie è possibile guadagnare anche cifre assurde come l’80 percento del proprio investimento. Tuttavia, se volessimo andare a considerare cifre ben più umane, ci aggireremmo intorno al 10-20% annuale.

Ovviamente, quando si tratta di fare grossi guadagni percentuali, i rischi aumentano. E non vogliamo assolutamente che il nostro conto venga prosciugato da un errore umano, a causa dell’alto rischio che ci siamo assunti con una trade, che magari era troppo azzardata. Più basso è il guadagno, e quindi più basso sarà anche il rischio. I più grandi investitori preferiscono ovviamente avere i propri soldi al sicuro, accontentandosi di modeste cifre percentuali. Ma è proprio in casi come questo che il trader di successo cresce esponenzialmente anno dopo anno. Dovete quindi immaginarvi come una sorta di “formica operosa”, che ogni anno mette da parte un po’ di cibo e continua a costruire la propria casetta.

Quale categoria di ceto sociale è più propensa ad investire?

Non importa che siate dei giovani oppure delle persone adulte, resta il fatto che le nuove generazioni sono meno avverse al rischio, meno avverse agli investimenti in borsa. Tuttavia in America il trend è molto maggiore che in Italia, i giovani hanno il 52% in soldi contanti, e il 28% in azioni. Tuttavia in america in passato la situazione era molto diversa, in quanto il 23% era riservato al denaro contante, e soltanto il 46% in titoli azionari. Questo perché ancora non c’è una vera e propria educazioni agli investimenti, e questo è stato uno dei tanti motivi per i quali abbiamo deciso di creare il nostro grande network che sta man mano diventando uno dei leader nel settore degli investimenti.

Secondo un sondaggio del 2013, il 43% dei cosiddetti “Millennials” non si sentono a loro agio ad investire nel mondo delle azioni, ovvero quelli che noi in Italia chiamiamo la Generazione Y, (conosciuta anche come Millennial Generation, Generation Next o Net Generation) ovvero in parole povere la generazione del nuovo millennio. Gli appartenenti a questa generazione, vengono anche comunemente chiamati Millennials o Echo Boomers, e sono le persone nate tra gli anni ottanta e i primi anni duemila nel mondo occidentale (o primo mondo).

Non lasciatevi prendere dalla sfiducia, siate pragmatici

Un mondo così (a prima vista) difficile, come quello degli investimenti in azioni, è normale che sia uno scoglio difficile per gran parte delle persone che vogliono investire in questo ambiente. Tuttavia, investendo in maniera saggia e conservativa, oppure investendo una piccolissima parte della vostra liquidità, vi permetterà di essere prima di tutto davanti a tutti quegli altri.

Per i giovani infatti,  è molto comune investire tanto, e in maniera aggressiva. E questo li porta poi a perdere gran parte del proprio capitale, e quindi ovviamente dopo un certo periodo di tempo, anche la fiducia.

Ecco come non rimanere “bruciati” dagli investimenti

Investire con eToro

La prima cosa da fare è: cancellate tutto quello che sapete o che vi siete fatti inculcare nel vostro cervello dagli altri, e stateci un attimo a sentire.

Per avere successo nel mondo degli investimenti, bisogna essere come una sorta di spugna, non bisogna essere soffocati dai preconcetti e non bisogna assolutamente considerare un unico metodo di investimento, in quanto il primo consiglio principe del mondo degli investimenti nel campo delle azioni, è quello di diversificare.

“Investire è semplice, ma non è facile.”  Warren Buffett

Questa è una frase molto criptica di Buffett, il più grande investitore mai esistito, ma che ci spiega quanto sia importante prima di tutto cercare di semplificare l’intricato insieme di concetti che legano il mondo delle azioni, ma che una volta risolto, vi aprirà le porte alla vostra libertà finanziaria che avete sognato.

Il mercato funziona in base all’offerta e alla domanda, ma l’investimento deve essere razionale

Adesso non venite a dirmi che secondo voi è razionale investire in un’azienda, perché avete visto che la “media mobile puntava nell’impervenduto” e il prezzo si trovava su un supporto. Se dite una cosa del genere ad un capo di hedge fund, vi riderà in faccia in men che non si dica.

Per acquistare un titolo azionario, bisogna prima di tutto eliminare tutti i preconcetti che ci siamo fatti, investendo razionalmente. Invece che guardare quindi alla media mobile o ad altre cose che vengono principalmente utilizzate da scalper, o comunque da traders che commerciano a breve termine, io per acquistare un titolo azionario, devo prima di tutto trovare il valore intrinseco di quel titolo, e solo e soltanto se il prezzo sarà inferiore al valore intrinseco del titolo io vorrò acquistare quell’azione. L’azienda inoltre, dovrà essere gestita da persone capaci, solo così saremo sicuri di poter riuscire a tenere quelle azioni, guadagnando ottimi profitti.

Il rischio, esiste solo quando non siamo al corrente di quello che si sta facendo. Tuttavia è sempre meglio avere un’idea generale di quello che è giusto, rispetto ad ovviamente essere nel preciso torto, nell’errore.

Tuttavia, non potrete aspettarvi dei grandi guadagni con un piccolo investimento. E’ una sorta di comportamento stupido questo. Dovrete essere pazienti, e attendere i frutti che verranno, ci vogliono molti anni, ma chi ha piantato il seme anni fa, adesso se ne sta sotto un bell’albero all’ombra.

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *